La Camera cambia rotta: 138 milioni di risparmi in due anni e tetti agli stipendi

Per la prima volta nella storia di questa Repubblica la Camera ha fatto risparmiare alle casse dello Stato 138 milioni di euro in due anni.

Ed è stata anche la prima volta che Camera e Senato hanno deciso di introdurre un tetto massimo alle retribuzioni, in analogia con quanto già deciso dal governo per le altre pubbliche amministrazioni. Nel video sottolineo come questi interventi, fatti insieme con i colleghi dell’Ufficio di Presidenza, fossero “doverosi” vista la difficile situazione economica del Paese.

Ho tenuto inoltre a sottolineare come le misure che la camera sta per adottare non devono essere interpretate in alcun modo come un disconoscimento dell’alto livello di competenza da parte del personale della Camera. Gli obiettivi della riforma sono: arrivare ad un ruolo unico dei dipendenti di Camera e Senato e rafforzare il Parlamento, ovvero la massima espressione democratica del Paese.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

15 commenti su “La Camera cambia rotta: 138 milioni di risparmi in due anni e tetti agli stipendi

  1. Francesco Della Torre dice:

    Onorevole, sua eccellenza, sta parlando del tetto massimo, relativo ai consiglieri parlamentari, che non potrà superare i 240mila euro annui al netto della contribuzione ? Sta dicendo che a questi signori lo Stato non potrà versare più di 20 Mila euro al mese ? Sarebbe questo il suo concetto di parsimoniosa ed attenta spending review ? Questa a me sembra piuttosto una legittimizzazione ad abbuffarsi con il soldi dei contribuenti. Vada a rivedersi quanto guadagnava Giolitti rispetto ai suoi tempi ….ielo dico io “Quando nacque la Repubblica i costituenti guadagnavano 1.300 euro odierni”. Rispetto il suo ruolo e mai mi permetterei o sognerei di dirle “si vergognì”….ma la tentazione è tanta. Viva La Repubblica !

  2. mauro dice:

    Brava Laura hai tutto il nostro sostegno finalmente misure che guardano al paese con rispetto verso l’istituzioni e i cittadini che soffrono del momento di crisi

  3. emilia cirillo dice:

    Sempre stipendi altissimi, se si paragonano a quelli degli impiegati statali di pari livello.

  4. ugo bolle dice:

    La boldrini si dimosta all’ altezza del ruolo che ricopre consapevole della difficile situazione italiana. Esempio di affidabilità e tenacia .brava Boldrini!!!!

  5. ugo bolle dice:

    La boldrini e’ l’ unica che fa quello che promette e lei ha gia’ dato esempio di sobrietà tagliando si lo stipendio e rinunciando allo appartamento presidenziale. Brava Boldrini!!!!!! Non e’ una cialtrona come i 5 stelle!!!! Brava laura.

  6. Milani Lanfranco dice:

    bene Presidente..e’ un primo passo (secondo me) importante. Non bisogna fermarsi qui, e’ necessario fare di piu’, noi cittadini siamo stanchi di essere sempre tartassati da tasse e balzelli e vogliamo che la classe politica (e non solo) dia il proprio contributo rinunciando ai tanti /troppi privilegi.

  7. GraficNovel dice:

    Tutti questi tagli sono doverosi per abituare chi lavora in quel Palazzo a capire, nel caso non lo avesse fatto, che come ci sono restrizioni, tagli nella vita lavorativa di ogni cittadino è giusto che tutti si mettano sulla giusta linea. Tutto questo non è altro che la responsabilità di un buon padre di famiglia o di chi stringe la cinghia o tira i remi in barca. La loro vita e bilancio economico non cambierà molto, ma almeno entreranno dei soldi in più che prima erano messi in privilegi inutili di cui usufruivano le persone che adesso si lamentano. Concordo e apprezzo il suo operato. Un grazie alla mia Presidente della Camera.

  8. miriam dice:

    Bene avanti così!
    E via i fannulloni come nelle aziende private.

    Grazie Presidente Boldrini

  9. michele troiano dice:

    Mi sembra una delle iniziative piu’ concrete che dimostrano che e’ possibile incominciare a realizzare una societa’ piu’ equa, piu’ solidale, secondo i principi costituzionali. Ho apprezzato molto il suo commento Presidente sul guardare la realta’ del paese, di tanti che perdono il posto di lavoro, di tanti che non riescono ad arrivare a fine mese e mi sembra che 240.000 euro all’anno siano una bella somma se pensiamo che al Presidente della Repubblica, massima autorita’ del Paese, viene erogata la stessa somma, così come ai grandi manager degli enti pubblici. Se poi vogliamo fare un paragone con i giovani ricercatori che dedicano la loro vita alla ricerca per un bene comune e che prendono 1.200-1.500 euro al mese beh! la cosa diventa imbarazzante. Andate avanti su questa strada, io ed altri vi siamo vicini. Chi fino ad ora ha avuto privilegi deve capire che ha diritto ad una vita dignitosa ma non a stipendi esosi rispetto a tutti gli altri componenti della societa’.
    Michele Troiano – Manfredonia

  10. ugo bolle dice:

    La boldrini da’ sempre il buon esempio di buona politica e di rispetto delle istituzioni nonché vicinanza alle persone. Brava Laura!!!!

  11. Domenico dice:

    Egregia Presidentessa, c’è da riconoscere che avete fatto uno sforzo enorme nel far risparmiare 138 milioni di euro allo stato.
    Sarebbe stato molto più facile se Vi foste (voi onorevoli e senatori) dimezzati lo stipendio e rendicondate tutte le spese da Voi sostenute. Ad occhio e croce avreste fatto risparmiare allo stato 5.000 euro (se non di più se si tiene in considerazione i contributi INPS) che per 1.000 (onorevoli e senatori) avrebbero fatto 5 milioni di euro al mese e 60 milioni di euro l’anno, 120 milioni di euro in due anni. In questo modo avreste dato l’esempio agli italiani tutti e gli stessi cittadini avrebbero anche accettato i vari aumenti delle tasse che ci saranno a partire da agosto (per non dire quelli di luglio)
    Ma ovviamente la CASTA è intoccabile, tutti devono subire le conseguenze della crisi la “CASTA MAI”.

  12. lucio dice:

    Laura è veramente straordinaria. La sua prima preoccupazione è quella di venire incontro ai più bisognosi e trova il mio più ampio riconoscimento e sostegno. GRAZIE INFINITE

  13. nicola dice:

    Era ora! Non condivido però i toni trionfalistici: ” Perla prima volta…ecc.ecc.E’ ancora troppo poco .Il sistema contributivo per le pensioni dei dipendenti della Camera va adottato subito,e devono cessare tutti gli altri insostenibili privilegi fino a ridurre i costi del Parlamento italiano ad un livello europeo.Comunque è un buon inizio

  14. lucio dice:

    Se tutti i politici fossero straordinari ma soprattutto umani come Laura Boldrini la gente tornerebbe ad avere fiducia nella politica.
    A mio parere, ma anche di molte persone con cui ho occasione di parlare, coloro che ci rappresentano in Parlamento dovrebbero fare gli interessi di tutti in modo che si possa essere sempre più forti. Grazie ancora Laura

  15. Antonio Luigi Ik8vry dice:

    Apprendo con piacere che si tenta di risparmiare sulle spese di gestione del personale di Camera e Senato, aspetto non da anni ma da vari decenni di sentire che sia i deputati che i senatori si limitano sia nei loro stipendi che sulle loro spese che al 90% o forse più, sono di “rappresentanza” …. forse rischiano la vita tutti i giorni come gli agenti di polizia che quando assolvono ad impegni per le istituzioni fanno in modo da proteggerli e per i quali non è previsto nessun aumento da buona prassi ex DC, almeno l’incontro è previsto !!