La settimana alla Camera, dai volontari in piazza al voto sul 416-ter

È mio dovere non solo presiedere l’Aula, ma anche essere in piazza, per recepire le istanze dei cittadini e poi riportarle all’interno dell’istituzione. Per questo ho voluto partecipare a due eventi che si sono svolti questa settimana nella piazza di Montecitorio: la manifestazione dell’ Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze e la Giornata mondiale sull’autismo.

In quest’ultima occasione, la facciata del palazzo è stata illuminata di blu aderendo, con questo gesto simbolico, ad una campagna internazionale di sensibilizzazione sulla malattia e sulle difficoltà che vivono anche le famiglie. Nel video della settimana parlo anche del provvedimento che punisce lo scambio elettorale politico-mafioso approvato in aula giovedì. Non dimentico di essere entrata in questa Camera portando al polso, come tanti altri deputati, il braccialetto bianco simbolo dell’impegno a fare presto una buona legge su questo tema.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

4 commenti su “La settimana alla Camera, dai volontari in piazza al voto sul 416-ter

  1. michele gentile dice:

    Apprezzo tutto l’impegno con il quale sta affrontando un Paese, ormai confuso. Rinnovo tutta la mia stima ed il mio orgoglio, nell’avere in una donna, dalla sensibilità sublime, il suo punto di riferimento. Con la sincerità che mi ha sempre guidato, Le confesso che il problema Italiano credo siano gli italiani stessi e non solo gli uomni della politica. Siamo un po’ tutti colpevoli di un degrado che sta umiliando gli uomini e la storia di questo grande Paese. Per questo e tanti altri motivi Le chiedo di accendere un faro sui ragazzi, meravigliosi, di questo Paese, CI sono tanti scrittori, troppi editori, pochissimi Lettori. Perchè?. Forse la scuola sta sottovalutando due semplici e fondamentali regole della sua causa, insegnare a leggere e scrivere. Spero di non aggravare il peso delle Sue responsabilità, di cui è sommersa, ma il mio, vuole essere un contributo alla crescita, perchè amo questa Italia, da paura. Grato, saluto con un fraterno abbraccio. michele.

  2. fabrizio pregliasco dice:

    Come Presidente dell’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze (ANPAS) a nome di tutti i Volontari delle nostre Pubbliche Assistenze ringrazio per la sensibilita’ e l’attenzione che la Presidente Boldrini ha dimostrato durante la manifestazione del 3 aprile per per le nostre istanze. Il Volontariato organizzato in Italia rappresenta un capitale sociale storico e riteniamo che le Istituzioni debbano attaure una serie di provvedimenti che permettano una continuita’ di servizio anche nel futuro.
    Fabrizio Prefliasco

  3. Graficnovel dice:

    Gent.le Presidente il Suo impegno nel non smettere mai il dialogo con i cittadini è importante e fa apparire il Suo ruolo meno distaccato. Ascoltare, informare e dare un seguito alle domande è veramente essenziale, sia quando si parla di autismo ma anche quando ci riferiamo al lavoro della Camera nelle approvazioni. Importante un Parlamento che riconosce l’ospitalità in chi vene da fuori non solo per turismo, ma anche e soprattutto per persone che vogliono avere una vita diversa, scappando da paesi in guerra o sotto regimi che gli tolgono la dignità. Un Parlamento che poi siamo noi Cittadini. Un braccialetto bianco che striscia sulla pelle per ricordare oltre la mafia, quanto sia inaccettabile lo scambio elettorale politico – mafioso, senza dimenticare i colori come il blu ,che interrompe il silenzio dando voce a chi vive in un mondo fatto di silenzi. Ogni elemento di questo video della settimana riporta alla comprensione verso altri mondi. Uno sguardo sul possibile. Grazie Presidente.

  4. Vittorio Vinci dice:

    Gent.ma Presidentessa BOLDRINI, la seguiamo e la apprezziamo; è tempo di considerare il problema dell’AMNISTIA che oltre a significare rispetto dei diritti umani, significherebbe notevole alleggerimento di numerosissimi processi pendenti (e quindi risparmi di milioni di euro per lo Stato), ma soprattutto verrebbe salvaguardata la posizione del nostro Paese nei confronti dell’Unione Europea, che è pronta ad infliggere all’Italia una pesantissima sanzione pecuniaria per la situazione carceraria che vige tutt’ora. Lei che ne pensa ?? Non è ora di considerare l’appello del nostro Presidente Napolitano al riguardo ?
    Vittorio Vinci e i suoi sostenitori