Loredana: “Grazie al microcredito più servizi nella mia azienda”

micro-loredanaLoredana, ha 25 anni, lavora nel settore del commercio all’ingrosso di ricambi e accessori di autoveicoli  e la sua è una delle tante storie di microcredito.

Una storia che comincia nel 2009 come dipendente presso una società esclusivista di alcuni marchi presso tutto il territorio siciliano. Negli anni acquisisce un notevole portafoglio clienti nella qualità di responsabile commerciale ma nel 2012, il datore di lavoro, per problemi di salute, è costretto a chiudere l’attività e a trasferirsi in un’altra regione per le cure mediche.

Valutata l’esperienza oramai consolidata e la fiducia guadagnata nel settore, Loredana decide di mettersi in proprio, provvedendo all’apertura di una nuova ditta individuale sotto la denominazione “C.L. Service”. Oggi, la sua azienda è concessionaria esclusivista per la Sicilia di un’azienda leader nella produzione di sistemi di copertura per veicoli industriali, centinati, ribaltabili e commercializza ricambi di un’azienda leader nella produzione di semirimorchi, casse e cisterne di elevata qualità.

Poiché la C.L. Service si occupa anche dell’assistenza post-vendita, attraverso una rete in espansione di officine autorizzate presenti su tutto il territorio regionale, che garantiscono ai clienti assistenza continua, necessitava di un mezzo idoneo alle trasferte e consegne in tutta la Sicilia. Il microcredito è servito quindi per acquistare l’auto ed una fotocopiatrice/stampante multifunzione laser a colori per l’ufficio.

Questa storia è tratta dal sito http://permicro.it/loredana-e-la-sua-c-l-service/

PerMicro è nata nel 2007 a Torino. Oggi ha 13 sedi, in tutto il territorio nazionale. E’ la più importante società di microcredito in Italia ed opera con una chiara mission sociale. “Creiamo occupazione e inclusione sociale attraverso l’erogazione professionale di microcrediti, l’educazione finanziaria e l’offerta di servizi di avviamento e accompagnamento all’impresa, in un’ottica di sostenibilità della nostra attività. Ci rivolgiamo a persone competenti con una buona idea imprenditoriale e a persone con esigenze finanziarie primarie (casa, salute, formazione), escluse dai tradizionali canali del credito per insufficiente storia creditizia o precaria posizione lavorativa.”

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Un commento su “Loredana: “Grazie al microcredito più servizi nella mia azienda”

  1. luigi crocco dice:

    Gentile Presidente della Camera LAURA BOLDRINI,
    sono d’accordo che il microcredito agevolato possa nel momento di crisi aiutare parecchio sulla gestione anche una piccola impresa , ma non l aumento del salario e delle assunzione di altri operatori anche perchè il problema fu risolto dal miglior economista dei primi 800 Adam Smith che le banche dovevano anticipavano il denaro necessario per l’avvio annuale della gestione delle tenute agricole di allora per pagare tasse , l’acquisto delle sementi ecc e i salari a chi raccoglieva e immagazzinava le derrate sulla garanzia dei prodottti
    Così sembrava nel 2001 entrando in Europa, invece furono diminuiti i tassi delle banche credendo di monitorare l’ inflazione col tasso di sconto della BCE di Francoforte che in italia perse il controllo sul potere di acquisto dei salari per il raddoppio dei prezzi dei beni al consumo (unico caso abnorme in Europa). Ma nel 2011 la Risoluzione Europa 6 luglio dei 28 stati membri che invita la commissione ad un futuro in eurobbligazioni sino al 60% del debito sovrano 1100 mliiardi al italia a sollievo della crisi e del occupazione per decine di milioni di persone economicamente attive a rischio disoccupazione e indigenza che valga per gli stati membri anche in America sulla concorrenza dei Bond USA alla condizione di diminuire e, garantire il pagamento annuale del debito pubblico agli altri stati che prestano denaro al 3% composto . Da qui il mio progetto globale finanziario e fiscale a cui nessuno dei maggiori responsabili del governo ancora risponde neppure la BCE sulla Risoluzione Europa 2011, Che fine avrà fatto?
    Anche perchè in Italia il problema sui salari è enorme per il raddoppio dei prezzi dei beni al consumo dal 2001