Orgogliosa dell’Italia di Fuocoammare che salva vite umane

Lampedusa chiama Lesbo, terre d’accoglienza. E’ quello che ho detto oggi a Gianfranco Rosi, il regista vincitore dell’Orso d’oro di Berlino con il documentario Fuocommare.

L’ho voluto incontrare a Montecitorio, insieme alla sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini e al medico dell’isola Pietro Bartolo, per brindare insieme ad un lavoro dedicato a tutti coloro che da anni fanno ogni sforzo per salvare vite umane. Il prestigioso riconoscimento internazionale ottenuto è un premio ai valori, come quello della solidarietà, che l’arte è capace di mettere al centro mentre la politica europea non trova invece una chiave di svolta dando risposte nulle o inefficaci.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Un commento su “Orgogliosa dell’Italia di Fuocoammare che salva vite umane

  1. luigi crocco dice:

    .. credo che l’Italia a salvare popoli e genti dal affondamento in mare sia tra i migliori del mondo ma sono pochi a riconoscerlo come un lavoro ben retribuito sul merito di una buona pensione INPS.
    Morale : meglio stare in un piccolo triangolo di terra
    che sostare davanti al mediterraneo