#1oradamore per l’educazione sentimentale nelle scuole

CINZIAdi Cinzia Paolillo

Cosa c’entra un’associazione antimafia con la proposta di legge per l’introduzione dell’educazione sentimentale nelle scuole?

Eppure,  la risposta dovrebbe saltare agli occhi. Occuparsi di diritti significa intrecciare battaglie per l’emancipazione dalle schiavitù e da ogni forma di assoggettamento. Con il dossier dal titolo “Sdisonorate. Le mafie uccidono le donne” l’associazione antimafie daSud ha portato alla luce le sfaccettature di un sistema patriarcale che attinge le sue caratteristiche dalla cosiddetta società civile in cui i sistemi criminali si muovono.  Ed  ecco che la battaglia per imporre il tema del femminicidio nell’agenda politica e nel linguaggio dei media ha finalmente strappato il velo di ipocrisia su una società che parlava ancora di crimini passionali, liquidando l’uccisione di donne in contesti familiari come “morte per troppo amore”.

Non è una vera battaglia per i diritti se non partiamo dalle giovani generazioni. La violenza maschile sulle donne, l’omofobia, il bullismo e gli stereotipi di genere si combattono infatti con l’educazione e la formazione sin da piccoli. Prima che sia troppo tardi. La prevenzione però bisogna costruirla, uscendo dall’ottica securitaria e insegnando un’altra educazione civica. Che porti le ragazze e i ragazzi a interrogarsi su “verità” troppo a lungo date per scontate.

Perché se una bambina picchia è un “maschiaccio”? E se un bambino piange è una “femminuccia”? Perché le ragazze possono camminare mano nella mano e i ragazzi no? Perché a scuola si studia Gabriele D’Annunzio e non Sibilla Aleramo? Ecco perché daSud ha voluto rilanciare la proposta di legge della deputata Celeste Costantino, con una campagna dal titolo #1oradamore, ideata assieme alla Costantino e a Change.org, con una petizione on line (www.change.org/1oradamore) che in soli due giorni ha raggiunto le prime 25 mila firme.

La proposta di legge attende da mesi di essere discussa alla Camera e la campagna ha avuto il merito di riaccendere i riflettori sul tema della violenza sulle donne al di fuori e dell’ottica emergenziale e di quella puramente di facciata, come se provvedimenti di questo genere non dovessero  considerare, anche in base alle raccomandazioni che l’Italia ha accolto ratificando la Convenzione di Istanbul, l’investimento nella cultura e nella formazione. Tra i primi firmatari i giornalisti Riccardo Iacona, Flavia Fratello e Loredana Lipperini, le attrici Lunetta Savino e Paola Minaccioni, e tanti altri artisti, psicologi, ricercatori e sociologi.

La scuola ha la possibilità e gli strumenti per fornire agli adulti di domani gli strumenti per una lettura paritaria delle relazioni di genere. In alcuni istituti esistono già dei progetti scolastici sul tema, che tuttavia sono portati avanti da docenti sensibili, ma in modo autonomo e discontinuo.  Come dimostra il video realizzato per questa campagna dai registi Gustav Hofer e Luca Ragazzi, tra gli adolescenti italiani c’è ancora molta confusione su questioni importanti come la contraccezione, la sessualità e le tematiche di genere. È venuto il momento di colmare questi vuoti, portando l’educazione sentimentale in tutte le scuole del paese.

Cinzia Paolillo è Presidente dell’Associazione daSud. Ha curato il dossier “Sdisonorate. Le mafie uccidono le donne”. E’ operatrice allo Sportello antiviolenza presso Sportello Donna H24 BeFree

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

2 commenti su “#1oradamore per l’educazione sentimentale nelle scuole

  1. Nazzarena Bernardi dice:

    Sono convinta che la scuola abbia un ruolo fondamentale per l’educazione alla paritò di genere. Credo ne contempo, sia necessario fornire agli insegnanti gli adeguati strumenti formativi per poter intervenire su una problematica così importante, con strumenti educativi idonei.

  2. ugo bolle dice:

    La BOLDRINI e’ sempre grande e sorpende sempre favorevolmente al contrario di tanti altri cialtroni di questo attuale governo che ci convince sempre meno, renzi in primis : un livello delle istituzioni cosi basso senza precedenti!! Boldrini avanti cosi!! siamo con te!!!!!!!