‘Montecitorio a porte aperte’ per scoprire il palazzo della democrazia

Grazie alle tantissime persone che hanno partecipato all’edizione speciale di ‘Montecitorio a porte aperte’ dedicata alle donne che si è tenuta il 9 marzo.

L‘evento è cominciato con l’esibizione della banda dell’Esercito, diretta dalla capitana Antonella Bona. Ho poi accompagnato in un giro dentro Montecitorio un gruppo di visitatori, mostrandogli l’aula e il Transatlantico. All’iniziativa ha partecipato anche Vanessa Villani, che ha portato la sua testimonianza di coraggio dopo essere stata in coma per 35 giorni in seguito alle percosse subite dal compagno.

Infine, nella Sala della regina si è tenuto un altro concerto, quello del quartetto di musiciste dell’orchestra di Santa Cecilia. Prima che cominciasse questa esibizione ho espresso un auspicio. In questa legislatura abbiamo ottenuto un risultato importante, visto che il trenta per cento delle deputate sono donne. Ma si può fare di meglio. Siamo la metà del Paese ed è giusto che ci sia una rappresentanza parlamentare adeguata. Per questo spero che nella legge elettorale in discussione si diano risposte sulla parità di genere.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

2 commenti su “‘Montecitorio a porte aperte’ per scoprire il palazzo della democrazia

  1. angela rita iolli dice:

    Gent.ma Presidente Laura Boldrini
    ho partecipato anche io all’iniziativa Montecitorio a Porte Aperte e per chiunque ne avesse la possibilità consiglio di visitare quel luogo, che ha un fascino particolarissimo per aver donato la sua dimora alla Democrazia e per aver dato i natali alla nostra amata Costituzione. Sin da piccola sono stata educata alla bellezza e ad assaporare la Storia di certi luoghi. Ciò che è accaduto domenica, con quel mare di folla, riconcilia con la politica e con le Istituzioni, che Lei rappresenta magnificamente. Mi sarebbe piaciuto parlarLe, perché in questo Suo anno di Presidenza ho apprezzato le Sue infinite doti umane. Questa iniziativa da Lei portata avanti di difesa di tutti i diritti umani è ossigeno puro in questi tempi dove l’abbrutimento culturale ed educativo è all’ordine del giorno. Mi auguro che queste iniziative avvengano più spesso, perché noi cittadini abbiamo bisogno della vicinanza delle Istituzioni, come di una politica che per troppo tempo è stata lontana da noi. VederLa come cittadina tra i cittadini è l’immagine più bella di questa giornata dedicata alle Donne. Quelle Donne troppo spesso emarginate e lasciate sole, vittime di violenza senza precedenti. Grazie di esserci Presidente e chissà che un giorno non possa stringerLe la mano. Le auguro una buona giornata e un buon lavoro.

  2. Miriam dice:

    Gentile Presidente Boldrini,

    bella iniziativa. Non vorrei fare il “bastian-contrario” ma, la prossima volta date la possibilità a chi non è di Roma o del Lazio di poter partecipare. Possibilità di prenotarsi e fare il “check-in” stampandosi il biglietto on-line (come fanno le compagnie aeree), così da agevolare anche chi è lontano.

    La Presidente Boldrini è “rock”. E chi le rema contro se ne faccia una ragione.

    Cordialmente e buon Lavoro.

    PS la giornalista L.Annunziata è simpatica come le ortiche, soprattutto quando Le ha fatto l’ultima domanda sulle sorti dei precedenti Presidenti della Camera…