Notizie alla deriva, il rapporto dell’osservatorio Carta di Roma

bellu-wdi Giovanni Maria Bellu

L’informazione italiana si occupa sempre più spesso di immigrazione. E lo fa anche con un atteggiamento  “positivo”.

Cioè parla dei migranti con comprensione e simpatia. Ma ne parla soprattutto quando qualche evento, in particolare se l’evento è catastrofico, la obbliga a farlo. Il migrante-tipo dell’informazione italiana nel 2013 è stato il naufrago. E la problematica maggiormente coperta è stata quella di carattere amministrativo. Quest’ultimo dato potrebbe apparire bizzarro e contraddittorio se, nella classificazione per temi, non fossero stati inseriti in questa categoria tutti gli articoli sul Cie di Lampedusa. Articoli, cioè, derivati dal catastrofico evento principale.

Sono questi, in estrema sintesi, i risultati dell’analisi svolta, per l’Osservatorio di Carta di Roma, dalle tre università (Bologna, Torino e Roma-La Sapienza) che hanno svolto il monitoraggio sull’informazione italiana nel 2013 e redatto gli studi che – assieme alla prefazione di Igiaba Scego, agli interventi di Attilio Bolzoni e Gian Antonio Stella e all’analisi di Martina Chichi sulle morti nel Mediterraneo – compongono il secondo rapporto annuale dell’Associazione Carta di Roma (il titolo è “Notizie alla deriva”) che viene presentato oggi alla Camera dei Deputati, con l’intervento della presidente Laura Boldrini.

Rispetto al 2012, dunque, le notizie su migranti e immigrazione sono raddoppiate. Soprattutto per effetto della tragedia di Lampedusa e del ministero di Cécile Kyenge. E non è un caso che siano anche cresciuti in modo rilevante gli articoli dedicati al razzismo.

Che esista una correlazione tra la rilevanza degli eventi relativi a un tema e la quantità di servizi dedicati a quel tema è del tutto ovvio. Meno ovvio è che gli eventi di cronaca condizionino in modo così intenso, e quasi esclusivo, la scelta di occuparsene da parte degli organi di informazione. Come  se l’immigrazione fosse, ancora e sempre, una “emergenza” e non una componente strutturale della società italiana. Come se gli immigrati fossero ancora “altri”, a dispetto della presenza di un milione di ragazze e ragazzi, ma molti di loro sono già uomini e donne, nati in Italia da genitori stranieri. E essi pure, ancora, stranieri: pare quasi che l’informazione voglia assecondare i ritardi del legislatore nella riforma della legge sulla cittadinanza.

La Carta di Roma è il codice deontologico al quale i giornalisti devono attenersi quando si occupano di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo. È fatta di poche regole di buon senso che potrebbero essere facilmente dedotte dalla norma deontologica fondamentale, quella che impone ai giornalisti di restituire la verità sostanziale dei fatti. E, quindi, prima di tutto, usare le parole giuste. Ecco, questo – benché molti passi avanti siano stati fatti – continua a non accadere. Sempre più spesso assistiamo a casi di “violazione dolosa” del codice deontologico a fini di polemica politica. C’è chi usa la parola “clandestino” pur sapendo benissimo che non solo è inappropriata, ma anche offensiva. (Ed è sorprendente che essa comparisse ancora, alla stregua di un termine “tecnico”, addirittura nel sito del ministero dell’Interno fino allo scorso 17 dicembre, scomparendo meno di quarantotto ore dopo un’audizione sulla Carta di Roma in Senato che terminava con l’impegno da parte della Commissione Diritti umani di chiedere la rimozione della definizione scorretta dalla stessa pagina web).

Quello che presentiamo oggi è il rapporto del 2013. Ma, nel parlarne, non si può ignorare il fatto che nell’anno che si sta per concludere abbiamo assistito a aumento di casi di questa “violazione dolosa”. In particolare in coincidenza con i fatti di Tor Sapienza. Un fatto che richiama un altro problema, in questo caso un problema generale dell’informazione italiana: la sua dipendenza dall’agenda politica e dal suo linguaggio.

Giovanni Maria Bellu è giornalista e scrittore. E’ stato inviato speciale del quotidiano ‘la Repubblica’ e condirettore de ‘l’Unità’. Attualmente dirige il quotidiano ‘Sardinia Post’ e collabora col settimanale ‘Left-Avvenimenti’. Tra i suoi libri il romanzo-reportage ‘I fantasmi di Portopalo. Natale 1996: la morte di 300 clandestini e il silenzio dell’Italia’. E’ presidente dell’associazione Carta di Roma. http://www.cartadiroma.org/

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

2 commenti su “Notizie alla deriva, il rapporto dell’osservatorio Carta di Roma

  1. Cosetta dice:

    Cara Presidente Boldrini sto cercando di mandarLe un messaggio alla casella del Parlamento , ma non riesco a farlo quando devo scrivere il mio Comune Udine rimane in bianco e quindi non riesco a inviarLe il Messaggio…Le avevo chiesto gentilmente se e’ era la notizia che mi è’ giunta su FB che il Parlamento ha depenalizzato lo Stalking , se così fosse sarebbe contro la Covenzione di Istambul che Lei ha sostenuto con Grande Forza e l’Italia ha sottoscritto….e’ una Bufala ? E ‘ importante sapere se e’ vero perché come ho letto la notizia io così l’avranno letta altri….sono certa che Tutte le Onorevoli sono dalla parte delle Donne….e poi le scrivevo ” perché non una Donna Presidente ? ” io credo che in Italia ci siano Donne di Grande qualità …..

  2. il presidente della camera è la dimostrazione che in italia esistono donne in grado di presiedere la nostra repubblica. lo sarebbe stata anche emma bonino se la politica fosse stata più cristallina e meritevole di un giudizio positivo da parte degli italiani. io sono un medico e nella mia professione giudico più preparate e attente le colleghe rispetto ai colleghi. io, in qualsiasi attività professionale, non sono mai stata discriminata anche dai luminari anziani che mi hanno sempre apprezzata per le mie competenze e disponibilità. purtroppo sono le donne con scarsa cultura ad essere antifemministe più che gli uomini. a tal proposito desidero affermare che l’ultimo ventennio è stato deleterio per le donne in carriera. più semplice e remunerativo svolgere attività di velina anche se si tratta di carriere al contrario. scomparsi i valori? temo di sì.