Registro delle lobby e codice condotta, atti di trasparenza

Un registro per i lobbisti che entrano a Montecitorio e un codice deontologico per i deputati. In due settimane la Giunta per il regolamento della Camera ha fatto quello che non era mai stato fatto prima approvando atti concreti capaci di rispondere alle giuste richieste di trasparenza dei cittadini.I rappresentanti di interessi che entrano nella nostra istituzione si dovranno iscrivere al registro dei lobbisti istituito ieri e dovranno specificare per conto di chi agiscono. Coloro che non si iscriveranno saranno sanzionati.

I deputati, invece, secondo quanto stabilito dal codice varato la scorsa settimana, dovranno dichiarare gli incarichi avuti sia prima che dopo l’elezione e dovranno rimuovere ogni conflitto di interesse, rifiutando i doni che eccedono il valore di 250 euro.

Segnali chiari di una politica pulita in grado di riguadagnare la fiducia dei cittadini.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

2 commenti su “Registro delle lobby e codice condotta, atti di trasparenza

  1. Alessandro Pipino dice:

    Bravissima Laura Boldrini continui a lavorare in questo modo e avrà il meritato riconoscimento di tutta la nazione

  2. questa procedura sta a significare che a Montecitorio si attua un sistema di trasparenza e di chiarezza. da cittadina non posso non ringraziare la Presidente della Camera.