• featured_p_img
  • featured_p_img
  • featured_p_img
  • featured_p_img
  • featured_p_img
  • featured_p_img

Sciarpa rossa in campagna elettorale, simbolo del mio impegno per le donne

Una sciarpa rossa, non a caso.

Sarà il simbolo della mia campagna elettorale incentrata su lavoro e imprenditoria femminile, su un welfare che non gravi solo su mamme e nonne.

Per costruire un Paese in cui uomini e donne abbiano gli stessi diritti e le stesse opportunità.

Io, donna, in Libere e uguali. No a un’alleanza con M5S

L’annuncio della mia candidatura in questa intervista al Corriere della Sera Continua

Una time line per ricordare i momenti più significativi di questo anno insieme

Il linguaggio di genere secondo l’Accademia della Crusca

di Cecilia Robustelli

L’attività di ricerca dell’Accademia della Crusca ha tra i suoi obiettivi

Continua

Fake news, gocce di veleno che corrodono la democrazia

“Le fake news hanno avuto un ruolo importante nelle elezioni di almeno 18 nazioni. Per questo rilancio l’appello #Bastabufale”. Ne parlo in questa intervista a Repubblica. Continua

La politica ascolti le donne. Serve piano per l’occupazione femminile

La mia intervista al Corriere della Sera dopo l’evento ‘In quanto donna’ organizzato a Montecitorio per la Giornata contro la violenza sulla donna.  Continua

Violenza contro le donne, è tempo di vincere la paura e denunciare

Grazie di cuore alle 1400 donne che oggi hanno riempito l’aula e le sale di Montecitorio. Avete raccontato storie di sofferenza, di resistenza e di riscatto.

Ed è stata una grandissima emozione vedervi qui per la più grande iniziativa simbolica che si potesse organizzare nella Giornata contro la violenza sulle donne.

La violenza non è solo ‘roba da donne’. Riguarda tutti, riguarda il presente e il futuro del Paese. In Italia troppe donne non denunciano perché hanno ancora paura di non essere credute, di perdere il lavoro, perché c’è ancora un forte pregiudizio verso di loro. Invece, no. La violenza va denunciata. È il momento di non stare più zitte, perché il silenzio divide, isola e uccide. La parola invece unisce e salva. E unite siamo tantissime.

Siamo il 51% della popolazione.
Siamo la maggioranza.
E il Paese non può ignorarci più.

“Racconto l’orrore del naufragio perché si fermi la tragedia nel Mediterraneo”

di Gennaro Giudetti

Non appena sono tornato a terra, dopo il naufragio del 6 novembre, ho deciso di raccontare a tutti quelli che vorranno ascoltare quello che ho visto con i miei occhi.

Continua

Sconfiggere le fake news: l’antidoto di RadioImmaginaria

di Sara Sessa

Liceo Visconti di Roma, 31 ottobre. Nell’Aula Magna quasi un centinaio di sedie, cameramen, giornalisti, e maxischermo alle spalle del palco. Continua

Progressisti troppo spesso divisi. Ora è imperativo essere uniti

Una politica progressista deve essere diversa in sei modi. Deve essere laburista, sociale, femminista, ambientalista, solidale ed europeista. E’ uno dei passaggi del mio intervento all’iniziativa ‘Diversa’ organizzata da Campo progressista a Roma il 12 novembre. Continua

‘La giornata’ di Paola Clemente, morta di fatica per 2 euro all’ora

“Morta di fatica per due euro l’ora”. Come si fa a morire di sfruttamento per 2 euro l’ora, oggi, nel nostro paese? Abbiamo molte contraddizioni da risolvere: siamo davanti alla quarta rivoluzione industriale, parliamo di intelligenza artificiale, parliamo di robot ma si continua a morire per due euro l’ora. E’ quello che successo a Paola Clemente, la cui storia è al centro di questo docu-film prodotto dalla Cgil e presentato a Montecitorio.

Continua