Alla Camera 80mila firme per ‘Rifiuti Zero’

immagine_provaI promotori della campagna ‘Rifiuti Zero’ mi hanno consegnato questa mattina 80mila firme raccolte a sostegno di una proposta di legge di iniziativa popolare.

Obiettivo: massimizzare il riuso e il riciclo dei rifiuti, contrastando il ricorso allo smaltimento in discarica e all’incenerimento.

Il primo firmatario della proposta, Massimo Piras, ritiene che con un processo di vera sostenibilità si possa far ripartire il ciclo economico e creare, a regime, 500mila posti di lavoro.
Secondo Rossano Ercolini, recente vincitore del premio per l’ambiente ‘Golden Environmental Prize’ l’Europa “ormai riconosce che il cassonetto è una vera ‘miniera urbana’ e chiede che l’industria manifatturiera sia in grado di riutilizzare i rifiuti, anziché bruciarli”.

PoliticaCredo che le tante firme raccolte siano un buon segnale: c’è voglia di partecipazione e fiducia nelle istituzioni. Tuttavia, le proposte di iniziativa popolare, fino ad ora, sono state troppo spesso trascurate. Per questo alla Camera si sta lavorando ad una riforma del regolamento che, tra le altre cose, possa assicurare a queste proposte tempi certi e procedure trasparenti per l’esame.
Quella sui rifiuti è una grande sfida: una questione ambientale, economica, civile e di lotta ai poteri criminali. Discariche e inceneritori sono strade senza uscita e occorre progettare un’altra strategia. Servono modelli di sviluppo sostenibile e in linea con i parametri e gli standard previsti dalle norme europee.

Foto http://www.flickr.com/photos/pnandco/

Foto Battaglia

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*