Alluvione in Sardegna, priorità investire nella difesa dell’ambiente

Ancora una volta ci troviamo a commemorare, a Montecitorio e nel Paese, le vite portate via dall’ennesimo disastro ambientale. Oggi abbiamo reso omaggio alle persone morte in Sardegna.

Nelle settimane scorse altre Regioni hanno dovuto piangere le loro vittime. Capita spesso, troppo spesso, che il maltempo provochi lutti.

Siamo di fronte ad una delle più gravi questioni del nostro tempo: la difesa dell’ambiente e del suolo.  Oltre il doveroso raccoglimento, occorre l’impegno di tutte le istituzioni per evitare che eventi naturali, anche di natura straordinaria, abbiano così frequentemente conseguenze tanto tragiche e dolorose.

Il territorio, l’aria e il mare del nostro Paese vanno conservati e tutelati con fondi e stanziamenti adeguati. Non si tratta di un costo che non possiamo permetterci ma di un investimento vitale per il futuro.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

3 commenti su “Alluvione in Sardegna, priorità investire nella difesa dell’ambiente

  1. Alessandro dice:

    …investinento sicuramente inferiore ai costi da sostenere per ripristinare gli attuali danni…

  2. Antonella dice:

    Solidarietà alle popolazioni colpite dall’alluvione in Sardegna…sperando che un giorno si possa riuscire a realizzare quel lavoro di prevenzione per evitare stragi di questo genere…non si può morire così…

  3. Alberto dice:

    Concordo che non possiamo permetterci lo stanziamento dei fondi , appunto per questo dobbiamo responsabilizzare personalmente il SINDACO,PRESIDENTE PROVINCIA,PRESIDENTE REGIONE,PREFETTO ,nel far tutelare il territorio da abusi ,illeciti e favoritismi politici che degradano l’ambiente portando al risultato di immane tragedie con perdite di vite umane e immensi danni economici che non possiamo ripristinare, dando la responsabilità totale alla ormai famosa “BOMBA D’ACQUA”