Gli insegnanti sono i veri eroi del nostro tempo

w_ImmagineDa Napoli, grande capitale del Mediterraneo e città più giovane d’Italia, arrivano tante delle 12mila lettere che ho ricevuto da quando sono presidente della Camera.


Molti descrivono sofferenze, lamentano ingiustizie e la lontananza delle istituzioni, chiedono risposte. Il mio obiettivo è di dare voce sia alle loro denunce che all’Italia che c’è ma non si vede, a quella dei tanti eroi del quotidiano che non trovano spazio nei media e rappresentano la parte più sana e vera dell’Italia. Ad esempio, gli insegnanti che si battono ogni giorno contro il fenomeno dell’abbandono scolastico, come quelli incontrati all’Istituto comprensivo Sarria-Monti di San Giovanni a Teduccio. I professori sono baluardo di legalità, da valorizzare sia a livello sociale che remunerativo. Sono loro gli eroi del nostro tempo, sono l’Italia migliore che c’è e non si vede, l’Italia bella e sana che reagisce. L’istruzione va rafforzata e sostenuta, anche sul fronte della sicurezza delle strutture scolastiche.

Ho esortato gli studenti a non lasciare la scuola, perché l’abbandono scolastico compromette il futuro, significa segnare il proprio destino. E’ con l’istruzione che si può andare avanti nella vita.

Ho incontrato anche gli operatori della Città della Scienza, recentemente devastata da un incendio doloso, che non si sono mai arresi. Una struttura che è polo di civiltà, progetto visionario. Ha fatto veramente male vedere i padiglioni rovinati dall’incendio. E’ importante che ci siano risorse per la ricostruzione e per i lavoratori, in attesa dello stipendio da un anno.

466509_384724324971105_97951310_o
Nel pomeriggio, poi, ultima tappa al carcere minorile Nisida, con il personale e gli assistenti sociali che si impegnano affinché i ragazzi che hanno sbagliato possano rimettersi in piedi e abbiamo la possibilità di ricostruirsi un futuro. Con questi giovani ho parlato delle attività che svolgono all’interno della struttura, ho visitato i laboratori tesi al recupero dei minori e ho risposto alle loro domande sulla politica.

Foto Ansa

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*