Morire di lavoro. Marcinelle 1956-2017

 

L’anniversario della tragedia di Marcinelle ci ricorda quando i migranti eravamo noi. Oggi più che mai è nostro dovere non dimenticare.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

3 commenti su “Morire di lavoro. Marcinelle 1956-2017

  1. giovanni dice:

    i nostri connazionali andavano all’estero per lavorare non per farsi assistere come fanno gli immigrati di oggi. Non sono mai stati messi in albergo a spese del Governo Belga in attesa di lavorare. Quelli emigrati negli Stati del sud America si sono spezzati la schiena per andare avanti. In quei paesi c’era molto lavoro ci voleva solo buona volontà. Invece da noi manca il lavoro e i soldi cosa suim può offrire a questa gente ?

    • Aldo dice:

      Scusi il ritardo é la prima volta che visito il sito della Signora Boldrini e sono al 100% d’accordo con ció che Lei ha scritto. Sono Io stesso un Emigrato Italiano da ben oltre 40 anni e non capisco come si possa fare un confronto tra Noi e gli attuali emigranti cui moltissimi sono semplicemente clandestini. La Signora Boldrini dovrebbe rivedere e scusarsi per metterci a confronto con gli attuali che vengono in Italia. Noialtri si andva all’estero solo su richiesta di un datore di lavoro locale e mai e poi mai pensavamo di essere accolti con le braccia aperte e che ci offrissero almeno un caffé. E bisognava trovarci sistemazione e vitto e sa Lei quante volte ho dovuto digiunare e dormire in posti non proprio salutari e mai pensato di chieder aiuto alle autoritá locali e questo vale per tutti gli Emigranti Italiani in qualsiasi parte del mondo e badi bene era lo stesso per tutti gli emigranti di tutti gli altri Peasi Europei. I profughi attuali naturalmente non tutti sono convinti che arrivati in Europa é un loro diritto avere e pretendere tutto gratis impressione data loro dai nostril. Governanti ed ecco che fanno di tutto per accedere da noi. Una domanda che si dovrebbero porre I nostri Governanti e dove trovano le migliaia di euro per pagarsi il viaggio? Noi Italiani avessimo avuto tutti quei soldi certamente non saremmo andati all’estero, a stento ci potevamo pagare il biglietto di andata. I very profughi e quelli che si dovrebbero aiutare sono quei poveracci che rimangono nei loro Paesi che non hanno nemmeno un euro per mangiare forse. Guardavo all BBC Lunedí scorso I soldi che pagano per la traversata alcuni anche 25.000 euro normalissimo 7000 etc e non parliamo di quelle povere ragazze che vengono forzatamente mandate in Europa per prosituirsi e arricchire chi le sovvenziona col viaggio. In Business questo dei profughi da capogiro bilioni e bilioni di euro. La Signora Boldrini dovrebbe dirci anche questo non solo che anche noi eravamo emigranti e che ancora oggi sia gli attuali Governanti che quelli del Passato costringono con le loro poltiche a lasciare l’Italia. Questo la Signora Boldrini ci dovrebbe spiegare meglio. Se si faceesero Poltiche che producessero lavoro Io sono sicuro che nessun Italiano lascerebbe questa nostra bella Italia. La nostra Italia sforna Laureati e pensi un pó quanto viene a costare per fargli prendere una Laurea ai Taxpayer Italiani e non per poi regalarli alle Nazoni Estere e farle progredire in quanto l’Italia non ha lavoro per Loro. Qui vi é certamnte qualcosa che non vá. La Politica dei Governo di oggi é del Passato é chiaro che non ha funzionato o almeno vi é stata un’incapcitá da parte loro ad evitare questo continuo esodo di Giovani Lareati e non che lasciano l’Italia. E badi bene che sono molto bravi e capaci se una volta all’estero trovano immediatamente lavoro e pagati bene. Non succedesse se non lo fosserochiaro vero? Vuol dire che le nostre scuole , le nostre Univeritá sfornano degli ottimi elementi ma non ottimi abbastanza sembra per trattenerli in Italia. La cosa strana é che il Governo rimpiazza I nostri giovani con altri venuti da fuori e che non sanno nemmeno chi sono e non solo ben sapendo che siamo in Europa il Paese con la piú alta disoccupazione giovanile e proprio oggi mi sembra che proprio la Signora Boldrini mette in rileivo. Scusi per il lungo commento, credo la Signora Boldrini dovrebbe preouccuparsi molto di piú degli Emigranti Italiani che continuano a lasciare l’Italia e non paragonarci tanto facilmente agli attuali che arrivano. Questo come si dice in Inglese is not fair.

  2. Claudio Tomassi dice:

    E’ sempre importantissimo ricordare questi tristi anniversari