Ricercatori italiani in Israele, la ‘start up nation’

L’esperienza alla Tel Aviv University di Elena Milanesi, ricercatrice italiana in farmacogenia. Grazie ad una borsa di studio, si è trasferita in Israele, con il marito e la figlia di tre anni, per fare un anno di esperienza in una realtà cosmopolita. Investimenti pubblici, buone università e imprese private dinamiche sono gli elementi che hanno fatto di Israele uno dei migliori ecosistemi per startup al mondo.

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Un commento su “Ricercatori italiani in Israele, la ‘start up nation’

  1. Presidente, Israele investe più del 4% in ricerca e sviluppo, contro l’1% dell’Italia e la differenza la fanno (soprattutto) le imprese. Nel nostro Paese non si crede nella ricerca, questo è un fatto