Incontro con Nancy Pelosi, simbolo di integrazione

pelosi1Il mio primo incontro ufficiale con una delegazione straniera a Montecitorio: con alcuni parlamentari del Congresso degli Stati Uniti d’America.

A capo della delegazione il rettore della Georgetown University, l’attuale capogruppo del Partito Democratico ed ex Presidente del Congresso, Nancy Pelosi. Parlare con l’ex speaker, figlia di immigrati italiani divenuta simbolo di integrazione ed emancipazione, è stato un bell’inizio! I quattro parlamentari statunitensi che ho ricevuto hanno sottolineato l’importanza del rafforzamento del ruolo delle donne nelle istituzioni, salutando molto positivamente l’elezione di una donna alla presidenza della Camera dei Deputati. Tra gli altri temi affrontati – di attualità nel dibattito pubblico tanto negli Stati Uniti quanto in Italia – i diritti delle minoranze, i diritti civili e la crisi economica.
Nel mio intervento ho sottolineato come la risposta messa in atto negli Stati Uniti per fronteggiare la crisi stia cominciando a dare frutti, auspicando dunque che anche in Europa si giunga a coniugare il rigore di bilancio con un impulso alla crescita. pelosi3

Ho anche ricordato che il Presidente Obama ha esortato i propri cittadini a cogliere l’occasione per attuare una riforma del sistema dell’immigrazione, a partire dalla creazione di una corsia preferenziale per l’accesso alla cittadinanza per i giovani nati e cresciuti, o che hanno studiato, negli Stati Uniti. L’approccio bipartisan e pragmatico che caratterizza oggi il dibattito su questo tema negli Stati Uniti potrebbe servire da ispirazione anche per l’Italia.

Link al video sull’incontro con Nancy Pelosi

http://www.youtube.com/watch?v=dhihnzRqs0g&list=PLCF314D2DAD8BAEE1

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*