La forza del sogno di Luca: da Oxford e Pechino al ritorno in Italia

Luca Naso-wdi Luca Naso

“All’età di 10 anni mia sorella mi chiese cosa volessi fare da grande.

Risposi: “Voglio costruire una base spaziale sulla Luna. E da lì volare fino a Marte”

Il mio amore per lo spazio ha radici profonde, così come il mio desiderio di raggiungere obiettivi straordinari e spesso fuori dalla mia portata. Con il tempo, quel primo sogno ha preso una forma precisa: diventare uno scienziato. Non ho mai ambito a vincere il premio Nobel, ma soltanto ad aumentare la nostra conoscenza della natura e metterla a disposizione di tutti. Ho coltivato il mio amore per la scienza durante la mia formazione ed anche in seguito quando, dopo aver conseguito il titolo di dottore di ricerca in astrofisica, ho lavorato in giro per il mondo: da Padova a Varsavia ad Oxford fino alla lontana Pechino. Mi sono occupato di campi magnetici, stelle di neutroni e dischi di accrescimento. Mi sono addentrato nei meandri del calcolo numerico e dei super-computer, senza mai trascurare il lavoro con carta e penna, così come il confronto con gli altri ricercatori. Così ho realizzato il mio sogno e sono diventato uno scienziato.

Per riuscirci ho lasciato la mia terra, la Sicilia, subito dopo la laurea e mi sono messo in cammino su un percorso che non sapevo dove mi avrebbe condotto, ma d’altronde neanche i più saggi sanno cosa si nasconda alla fine del viaggio. Oggi vi faccio ritorno e mi sembra quasi come di chiudere un cerchio. Lavoro nell’ambito della comunicazione digitale a Mirabella Imbaccari, un comune in provincia di Catania, per un’azienda che produce soluzioni di digital signage. Il termine si riferisce all’utilizzo di dispositivi digitali come veicoli della comunicazione, ad esempio i maxi schermi digitali per controllare gli orari dei voli o dei treni. Perché sono tornato? Semplice, per continuare a sognare. Otto anni fa sono partito per realizzare il sogno di diventare uno scienziato. Oggi ritorno per realizzare un nuovo sogno: quello di migliorare la vita quotidiana delle persone attraverso la tecnologia.

Lavorare nel settore della comunicazione digitale mi avvicina alla realizzazione del mio sogno. Da un lato comunicare è un’esigenza naturale dell’essere umano, dall’altro la tecnologia digitale permea sempre più le nostre attività quotidiane. Per questo ritengo che l’ambito della comunicazione digitale mi permetta di lasciare un’impronta positiva nella vita di molte persone. La strada sembra quella giusta, come dimostrano i risultati ottenuti dall’azienda per cui lavoro: dagli Stati Uniti alla Spagna, dai taxi ai condomini, contribuiamo a trovare soluzioni di digital signage in tanti settori in tutto il mondo. La mia esperienza dimostra come sia possibile produrre innovazione tecnologica e vincere la competizione internazionale anche da un piccolo paesino dell’entro-terra siciliano.

Non dico che sia facile. Chiunque tenti di realizzare un progetto incontra delle difficoltà. Per quanto ci si possa impegnare, per quanto si possa essere animati da nobili sentimenti, s’incontreranno sempre dei problemi lungo il percorso. Inoltre, tanto più il progetto è ambizioso, tanto più complesse sono tali difficoltà. Questa è una realtà con cui tutti devono fare i conti, non importa che vivano in Sicilia, in California o in Cina. Ma sono convinto che la migliore strategia per superare gli ostacoli sia la passione. Chi lavora ogni giorno per realizzare il proprio sogno non si lamenta di essere costretto a muoversi in un percorso ad ostacoli, invece si adopera per superarli. Chi lavora con passione è sempre propositivo, mai distruttivo; non cerca pretesti per interrompere il proprio lavoro, cerca invece motivazioni per continuarlo: modelli, non alibi.

Sono anche convinto che per ottenere risultati di prestigio sia importante fare parte di un ecosistema di qualità. Attuare sinergie con le altre realtà positive del territorio consente di creare situazioni win-win, in cui tutte le parti si migliorano. Parte integrante di questo ecosistema siamo noi, con le nostre competenze ed esperienze.  Questo mondo appartiene a quei sognatori capaci di realizzare i propri sogni. Ogni volta che si realizza un sogno, la società cambia. Rinunciare ai propri sogni equivale a lasciare che siano gli altri a decidere le sorti del mondo nel quale viviamo. Imprenditori, professori, politici, sognatori, vi chiamo tutti a raccolta: iniziamo a costruirlo noi questo ecosistema di qualità, questo network di eccellenze che possa generare innovazione ed attrarre nuovi talenti. Non abbiate paura di sognare.

Luca Naso si è laureato in Fisica presso l’Università di Catania. Ha frequentato la Scuola Superiore di Catania per la formazione d’eccellenza, nella classe di Scienze Sperimentali. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Astrofisica alla SISSA di Trieste. Ricercatore postdoc a Padova, Varsavia, Oxford, Pechino. Oggi lavora a Mirabella Imbaccari per Edisonweb nel settore del Digital Signage, della Comunicazione Digitale e dei Big Data. E’ membro dell’Accademia Cinese delle Scienze.

A ottobre ha partecipato al convegno ‘Talenti dal Sud per combattere la crisi’, organizzato dall’Università di Catania.

Sintesi del suo intervento 

http://www.youtube.com/watch?v=6FIRbrzBObc

Intervento integrale 

http://youtu.be/Dqr5tFDeZZU

Video integrale iniziativa 

http://new.livestream.com/accounts/5791652/events/2474633

Servizio su Luca Naso andato in onda sul Tg Leonardo

http://www.youtube.com/watch?v=Rz_roZOKKdE

Share Button

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicatoI campi richiesti sono marcati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*