Post con tag web

Stai vedendo tutti i post con tag " web".

Omaggio a Stefano Rodotà e al suo impegno per i diritti sul web

“In rete crescono le opportunità ma anche la voglia di ‘mettere le mani’ su internet, per ragioni di sicurezza o

Alla Camera due Commissioni su Internet e i fenomeni di odio

In questa legislatura, su mio impulso, alla Camera dei deputati sono state costituite, per la prima volta, due Commissioni dedicate

Sette domande per l’Europa. Luci e ombre sul futuro dell’Unione

Sette domande per l’Europa. Lo stato e le prospettive dell’Unione sono state al centro del questionario, elaborato in collaborazione con

La violenza sul web è sottovalutata

“La libertà d’espressione è sacra ma dev’essere compatibile con la libertà delle altre persone”.  L’ho detto nel corso del mio

Generazione 2.0? Oltre i pregiudizi, è tutto scritto nel loro S.T.I.L.E.

di Federico Capeci Pochi, senza stipendio, ancora a casa dei genitori, sempre su Internet. E ancora: svogliati, distratti, irrispettosi, malati

Il Partito Pirata replica a Confindustria: “Cultura sia condivisa gratuitamente sul web”

di Giuseppe Cossalter “Come Partito Pirata in Italia vogliamo rispondere a Marco Polillo, editore e presidente di Confindustria Cultura Italia,

Polillo: “L’industria culturale ha bisogno di regole per il web”

di Marco Polillo “Forse il tempo è arrivato. Per anni la rete è potuta crescere e fortificarsi senza regole, autogestendosi

“L’insulto sessista che rende il dialogo impossibile”

Nell’articolo di Massimo Recalcati, pubblicato il 6 febbraio dal quotidiano La Repubblica, un’interessante riflessione sulle ragioni della violenza verbale e

Web strumento di libertà, ma occorre maggiore consapevolezza

Mentre Facebook festeggia il miliardo di ‘amici’, ciascuno di noi ha bisogno di sapere che fine facciano le tracce che

Educare per prevenire la violenza in rete

Tra tutela della libertà di espressione e salvaguardia dei diritti umani c’è bisogno di equilibrio, anche in rete.

Lettera a Davide: “Serve legge contro l’omofobia”

Mi ha molto colpito leggere, ieri, il grido d’allarme lanciato da Davide su La Repubblica. Così come mi ha turbato